Con la spinta degli “Amici”

Attorno alla sorella Lucia e ai familiari un aiuto a far conoscere la figura anche fuori dal Trentino in sintonia con gli Oblati

Lucia Borzaga con il croficisso appartenuto a padre Mario nella casa di via Gorizia.

Lucia Borzaga con il croficisso appartenuto a padre Mario nella casa di via Gorizia.

 

Mario. Missionario. Martire. Un uomo e la sua vita. Sono sufficienti due parole per descriverla, ma il mistero rimane intatto. Ora beato insieme al catechista laotiano Paolo Thoj Xyooj, morto insieme a lui.

Una missione che Lucia Borzaga, oggi 80 enne, l’unica di quattro figli ancora in vita, ha proseguito con l’Associazione “Amici di padre Mario”, costituita nel 2001 con sede nella parrocchia di S. Antonio, nel rione della Bolghera dove il religioso trentino è nato e cresciuto, per mantenerne vivo il ricordo, la spiritualità e l’impegno.

Si deve all’Associazione l’avvio della Causa di Beatificazione nel 2006, subito approvata dalla Diocesi di Trento con il sostegno dell’arcivescovo emerito Bressan e con l’autorizzazione della Conferenza Episcopale del Laos.

E tra le finalità degli “Amici” vi è sempre stata proprio quella di mantenere vivo il contatti con il Laos, adoperandosi con una serie di iniziative a favore del popolo laotiano, dei religiosi del seminario e soprattutto dei bambini del villaggio di Kiucatiàm, dove Mario aveva svolto la sua missione, ai quali i bambini della catechesi della parrocchia di S. Antonio e di S. Cuore mandano ogni anno matite, quaderni, palloni per ogni classe della nuova scuola, frequentata da 800 scolari.

A padre Mario è stata dedicata la piazzetta della chiesa di S. Antonio e domenica 20 novembre è stata inaugurata alla presenza della sorella la nuova sala giochi dell’oratorio del Duomo intitolata al missionario trentino, un luogo aperto ai ragazzi, alle loro famiglie e a tutta la comunità parrocchiale per incontrarsi, giocare, chiacchierare e stare insieme nel ricordo di un giovane che Lucia definisce “un santo senza aureola” che si prendeva cura del prossimo con piccoli gesti quotidiani.

In vista della beatificazione è nato anche un blog, aperto da un “amico” di padre Mario, Lorenzo Cuffini, lasfidadimario.wordpress.com (pagina facebook: https://www.facebook.com/La-sfida-di-Mario-318359088539183), contenente “riflessioni e motivi di meditazione profonda nelle righe scritte di getto da una felice e ispirata penna” come scrive la sorella Lucia all’interno dello stesso blog il 19 novembre ringraziando l’autore. Inaugurato il giorno dei Santi, terminerà l’11 dicembre 2016, accompagnando giorno dopo giorno alla beatificazione sulle orme e sulle parole lasciate da padre Mario in “Diario di un uomo felice”.

Anche il vaticanista Luigi Accattoli ha inserito padre Mario nella sua ricerca sui “Fatti di Vangelo”. Gli dedica un aggiornato ritratto nel suo blog (http://www.luigiaccattoli.it/blog) dove ricorda una lettera del 18 maggio 1957 alla sorella Lucia padre Mario aveva espresso un’idea di missione che oggi ritroviamo nelle parole di papa Francesco quando parla di “Chiesa in uscita”: “Noi missionari siamo fatti così: il partire è una normalità; andare una necessità, domani le strade saranno le nostre case; se saremo costretti ad ancorarci in una casa la trasformeremo in una strada: a Dio”.

 

Da Vita Trentina, 7/12/2016

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...